Home > Collegi > Storia
Storia

La storia dei collegi universitari risale al Medioevo quando si diffusero strutture tese a favorire una promozione sociale fondata sul merito: era l’epoca degli scholares clerici ospitati gratuitamente in strutture a loro dedicate e sostenuti durante il loro percorso accademico. Dal XIII secolo in poi i collegi si sono diffusi in tutta Europa differenziandosi a seconda delle aree geografiche: nel mondo anglosassone sono andati quasi a fondersi con le università mentre in altri Paesi, come l’Italia o la Spagna, si sono configurati come strutture residenziali di alto livello qualitativo, che accolgono studenti selezionati per merito accompagnandoli con un solido progetto educativo, pur rimanendo distinti dalle università. Vi è dunque una radice comune che fa dei collegi universitari un vero e proprio patrimonio europeo.

Nel settembre 2005 la Conferenza dei Collegi Universitari italiani (CCU) e il “Consejo de Colegios Mayores” spagnolo (CCM), che condividono un identico modus operandi all’interno delle rispettive residenze, firmano un protocollo d’intesa per la costituzione della European University College Association. Il protocollo inizia ad assumere concretezza un anno più tardi quando, nel maggio 2006, viene aggiunta la lettera di intenti firmata tra la CCU e la Warsaw University of Technology polacca (WUT) in vista di una sinergia rinforzata, ossia uno scambio di esperienze e di buone pratiche. Nel 2007 è poi la volta della Gran Bretagna che entra in EUCA con la Netherhall Educational Association (NEA).

EUCA nasce formalmente il 6 giugno 2008, quando queste quattro istituzioni ne hanno firmato lo statuto. Il 2 luglio 2008 la Gazzetta Ufficiale del Belgio (Moniteur belge) ha registrato EUCA come associazione senza scopo di lucro con sede legale a Bruxelles. Il primo allargamento è nel 2011, quando un collegio universitario tedesco, Internationales Studentenzentrum Schweidt di Colonia, ha aderito alla rete. Nel 2012 due associazioni nazionali, CREEF e BENECORE rispettivamente dalla Francia e dal Belgio hanno chiesto e ottenuto l'adesione. L'Ungheria, infine, è rappresentata in EUCA da quando il László Rajk of Advaced Studies di Budapest è stato accolto nell'Associazione.